Lumipocket è un progetto tutto italiano di cui abbiamo già avuto modo di parlare ai tempi del lancio della prima campagna di crowdfunding su Indiegogo e che abbiamo incontrato velocemente in una scorsa edizione della Maker Faire Rome. Ora abbiamo avuto modo di approfondire con i due fondatori del progetto, Manuela e Davide, le strade che sta seguendo Lumi Industries e i progetti del prossimo futuro.

LumiLT_Davide_Manu_v2

Come nasce il progetto Lumipocket e che caratteristiche ha rispetto alle stampanti 3D già presenti sul mercato?
L'idea di affrontare il mondo della stampa 3D nasce dal primo progetto Lumifold, creato da Davide, il fondatore, nel 2013. Dopo il successo di una prima campagna di crowdfunding, grazie all'incubatore H-Farm siamo riusciti a costituirci in società nel 2014 con la mission di portare i vantaggi della stampa 3D alla portata di tutti.

Lumipocket Pro e Lumipocket LT nascono proprio da questa ispirazione: avvicinare il pubblico dei piccoli artigiani, dei professionisti free lance, degli hobbisti, dei Makers, studenti e ricercatori ad una tecnologia - la stereolitografia - che garantisce dei risultati di alta qualità, ma che è ancora poco diffusa per la difficoltà d'uso e i costi che comporta. Da qui l'idea di scalare e rendere semplice, quasi basilare, questa tecnologia in modo che chiunque ne possa beneficiare.

Quali funzionalità ha Lumipocket e che tipo di materiali/definizione la rendono adatta a quali settori?
Lumipocket LT è un prodotto multifunzione adatto ai Maker, agli hobbisti e ai piccoli artigiani. Dotato di un braccio robotico SCARA che guida un laser UV, permette di stampare e incidere. La stampa 3D è con resine fotosensibili a una precisione fino a 50 micron sull'asse Z e di almeno 100 micron sull'asse X e Y, con dei tempi che vanno dai 20 secondi per layer in su a seconda dell'oggetto da stampare. Tuttavia queste prestazioni potranno essere notevolmente migliorate nella fase di ottimizzazione del prodotto che i fondi della campagna Kikcstarter ci permetteranno di implementare.

Per quanto riguarda l'incisione, il laser UV può essere usato per incidere su diversi materiali: dal cartone al compensato, dal cuoio a plastiche morbide per dare sfogo alla propria creatività. Può anche incidere circuiti stampati, un "must" per ogni Maker: Lumipocket permette infatti di incidere piste di PCB su basette pre-sensibilizzate.

LumiPocket_LT

 

Com'è composto il team Lumi Industries? Com'è lavorare alla propria startup nell'acceleratore H-Farm?
Il team di Lumi Industries è attualmente composto dai due fondatori: Davide Marin e Manuela Pipino. Davide, background di ingegneria e passione per l'arte e l'innovazione, è la mente creativa che sta alla base del progetto. Manuela, background di commerciale e acquisti, si occupa invece della gestione e sviluppo aziendale. Ci avvaliamo inoltre di collaboratori esterni che ci assistono nello sviluppo del prodotto e del business.

H-Farm è un posto affascinante, lavoriamo circondati dalla natura e immersi nel parco naturale del Sile che è un ottimo stimolo alla creatività ed è inoltre un luogo adatto allo scambio di idee.

È la seconda volta che attivate una campagna di crowdfunding: qual è il segreto del vostro successo? Anche se è stato raggiunto con successo l'obiettivo, quali vantaggi dà ai finanziatori aderire adesso?
Tanto impegno e un pizzico di fortuna. Creare una campagna di crowdfunding non è cosi semplice come sembra. Innanzitutto ci vuole una bella idea, che sia anche realizzabile. È infatti importante per un progetto hardware dimostrare nel concreto, non solo con rendering e descrizioni ma anche con un prototipo funzionante, che ciò che si vuole realizzare è fattibile.

leather
Bisogna spiegare in modo chiaro e accattivante l'intero progetto in modo che chiunque possa facilmente comprenderlo e sopratutto è importante far sentire le persone parte del progetto. Non stiamo infatti vendendo un prodotto già pronto, stiamo raccogliendo dei fondi per dare vita ad un'idea e ogni singolo contributo, ogni singolo consiglio da parte dei nostri sostenitori è fondamentale al processo di realizzazione di Lumipocket LT e allo sviluppo della startup stessa.

Il target è stato raggiunto, quindi il prodotto sarà realizzato! Chi decide di supportarci adesso avrà la possibilità non solo di sentirsi parte del progetto stesso grazie al suo contributo, ma di ottenere Lumipocket LT a un prezzo eccezionale riservato appunto a chi ha creduto in noi, prima ancora di vedere realizzata Lumipocket LT stessa. Inoltre il raggiungimento di nuovi target ci permetterà di realizzare nuove feature.

rook_LT

Quali sono i progetti futuri che riuscirete a mettere in cantiere dopo la campagna? Iniziative specifiche da realizzare con partner quali MakeTank?
Se riusciremo a raccogliere fondi sufficienti, dopo la realizzazione di Lumipocket LT vorremmo dedicarci a quei progetti paralleli, che menzioniamo anche nel video di presentazione, che vogliono andare a completare l'esperienza di stampa 3D offerta da Lumi Industries come l'unità di post-produzione, lo scanner 3D, holodock per la visualizzazione olografica dei modelli in stampa. Stiamo anche lavorando a un nuovo modello professionale, ma tutto questo necessita il sostegno attivo di tutti i nostri backers!

Con MakeTank ci piacerebbe organizzare degli eventi di divulgazione e presentazione sulla stampa 3D a resina, abbinati magari a workshop che ci permettano di svelare le potenzialità di questa tecnologia e dimostrare che, grazie a noi e ai nostri prodotti, è veramente alla portata di tutti.

 

Leave a reply