Ritorna la Maker Faire Rome, che quest’anno si tiene nella bellissima cornice dell’Auditorium Parco della Musica progettato da Renzo Piano (zona Flaminio), che ospiterà gli espositori e una fitta agenda di light talk e workshop. Ci saremo ovviamente anche noi, con il nostro stand (area Montessori, zona F) e con un light talk (domenica 5 ottobre alle 17.30, nella sala WS14) che intende spiegare i trucchi per vendere e promuoversi online.

Uno scorcio della Garbatella

Uno scorcio della Garbatella

In realtà Roma sta diventando davvero la capitale dei Maker, come dimostra il resoconto del mio recente tour tra spazi di coworking, fablab e makerspace. Il quartiere di tendenza, affascinante nella sua architettura, è la Garbatella: una città-giardino in cui gli operai potevano coltivare un loro pezzetto di terra che ha perso la sua connotazione ‘verde’ col fascismo che ha privilegiato il cemento (da Wikipedia). Con la sua atmosfera di ‘vero quartiere’, ha attirato registi che hanno ambientato gran parte dei loro film e fiction, da “Caro diario” di Nanni Moretti a “I Cesaroni”.

Millepiani1

Millepiani

Arrivo con Italo a Roma Ostiense e, in un quarto d’ora a piedi, arrivo nella sede del CNA Roma per un’importante riunione sul tema dei Digital Maker. Incontro il mitico Stefano Varano di Roma Makers che mi porta a visitare il loro FabLab nel quartiere. Si sono trasferiti da poco ed è un work in progress con alcuni esempi di oggetti laserati o stampati di loro produzione, stampanti 3D, robottini e l’installazione della stampante Fa)(a 3D progettata dal FabLab Contea insieme a Giacomo Falaschi che incrocio al volo.

spqr

Vicino al FabLab c’è uno dei più interessanti spazi di coworking romani, Millepiani, che ospita i ragazzi (e soprattutto le ragazze) di D’Arc Studio, nostri finalisti con gli occhiali trasformisti Cambiami di DesignWinMake 3D Edition. Entro mentre c’è un meeting che mostra alcuni bandi e opportunità del Comune di Roma proprio per Coworking e FabLab e trovo Rosa Topputo stesa su un tavolo e intenda a fotografare i prototipi di Cambiami, gli occhiali trasformisti stampati 3D, insieme a un pantone di accessori fashion meravigliosi.

fablab

Il tempo di un caffè al bar e poi insieme a Tommaso Spagnoli parto alla volta di uno tra i più lanciati e operativi FabLab a livello europeo (secondo me). Iniziamo a visitare SPQwoRk, enorme spazio di coworking ricavato da una fabbrica farmaceutica in disuso in zona Tiburtina dove, poco lontano, ha aperto da poco il FabLab SPQwoRk che intende ospitare e contaminare artigiani tradizionali (sarti, decoratori, ecc.) con le tecniche e gli strumenti a disposizione dei Maker (lasercut, stampanti 3D, ecc.).

Tanta sperimentazione con tutti i macchinari che non possono mancare in un FabLab / MakerSpace ma anche tanta concretezza con formazione per le scuole, attività di prototipazione e progetti per conto terzi per autosostenersi. Qualche spunto lo trovate in questo video ma se passate da Tiburtina passate a trovarlo e vi si apriranno le porte dell’universo Maker!

Se poi volete sapere cosa fare e dove mangiare a Roma durante la Maker Faire, andate al post pubblicato in occasione della scorsa edizione.

 

Leave a reply