Se eravate già pronti per entrare nell'era dell'elettricità senza fili, è il momento di ricredersi almeno un po' e considerare con attenzione il progetto che ha portato avanti Bare Conductive. Bare Conductive è uno studio inglese di tecnologia e design la cui attività è incentrata sul combinare il design con l'elettronica e con un approccio molto pratico.

In tutto questo, il loro successo più evidente è stata la realizzazione di un inchiostro conduttivo: l'idea è venuta a un gruppo di amici che frequentavano il Royal College of Art e l'Imperial College London, durante un progetto scolastico. Dopo aver finito il college hanno deciso di concretizzare l'idea in un progetto che portasse i concetti dell'elettronica alla portata di chiunque, ed ecco nascere Bare Conductive.

bare

Bare Conductive non si è fermata agli inchiostri conduttivi e ha man mano introdotto altri prodotti innovativi, a partire dalle Touch Board. Una Touch Board è in sintesi una board compatibile con Arduino ma progettata ad hoc per essere connessa al mondo esterno usando l'inchiostro conduttivo. In questo modo qualsiasi superficie può essere trasformata in un sensore e scatenare un effetto quando attivata.

Le Touch Board sono la creazione più recente di Bare Conductive: sono in preordine e dovrebbero essere pronte per il prossimo settembre. Bare Conductive d'altronde non ha problemi di fiducia dei suoi appassionati utenti: nel 2009 ha avviato una campagna di crowdfunding per le sue attività puntando a raccogliere 15 mila sterline e tagliando invece il traguardo delle 120 mila.

tb

La gamma di prodotti di Bare Conductive comprende diversi kit che permettono di imparare (e anche insegnare) i fondamenti dell'elettronica e dei circuiti a persone di qualsiasi età. Imparare in maniera divertente e interattiva è poi una garanzia che la conoscenza acquisita resterà ben viva nella mente, molto più di quella assorbita passivamente dai libri.

Potenzialmente c'è anche molto di più: Bare Conductive è un'azienda ancora giovane e al momento i suoi prodotti sono focalizzati sul "giocare" con l'elettronica, ma l'inchiostro conduttivo ha campi applicativi più ampi. Chissà che un giorno i decoratori d'interni, pennello alla mano, non diventino anche un po' elettricisti creativi.

 

 

Leave a reply