Che la stampa 3D sia la protagonista indiscussa della Terza Rivoluzione Industriale, noi di MakeTank ne siamo più che convinti. E come noi la pensano gli amici di Thingarage, portale web per la progettazione e la fabbricazione digitale on demand. Ecco perché abbiamo progettato con loro 3DPRINTforAID, il contest che premierà prodotti di utilità sociale stampati in 3D. Ne abbiamo parlato con Antonello Balestrieri, CEO di Thingarage e membro della giuria.

antonello_balestrieri

Creatività e crowdsourcing: come si declinano nel progetto Thingarage?

Thingarage è un portale web per la progettazione e la fabbricazione digitale on demand: fornisce soluzioni di progettazione personalizzate per aziende attraverso il crowdsourcing e soluzioni di produzione e prototipazione grazie alla stampa 3D. Thingarage è una sorta di laboratorio diffuso, una community in cui i designer di tutto il mondo non vengono solamente per competere, ma anche per condividere tecniche, darsi consigli, migliorarsi. In poche parole, crescere professionalmente e nel contempo facendo crescere la qualità delle loro creazioni.

Perché partecipare al contest 3DPRINTforAID?

Io mi chiederei piuttosto perché non farlo. 3DPRINTforAID è un contest ideale per un Maker: ha un brief aperto, pochissimi vincoli, lascia grandissimo spazio alla creatività e  all’estro. E soprattutto è per una buona causa: migliorare le condizioni di vita delle persone meno fortunate e dare un aiuto concreto al mondo.

LOGO_3DPRINTAID_LD

Gli elementi chiave che, dal tuo punto di vista, dovrebbero avere i progetti in gara?

I progetti in gara dovrebbero concentrarsi su prodotti essenziali, semplici, che richiedano pochissima manutenzione e possano essere utilizzati e conservati anche in condizioni difficili. Prodotti pratici e intuitivi, di poco ingombro, basso costo e rapida riproducibilità. So che non è facile realizzare un oggetto che abbia in sé tutte queste caratteristiche. Infatti, come ho già avuto modo di affermare in tante occasioni, 3DPRINTforAID è il contest più ambizioso che Thingarage abbia ospitato sulla piattaforma fin dalla sua nascita.

Il futuro della stampa 3D visto da Thingarage sarà all'insegna di...?

Sarà all’insegna della competizione: sia dal lato produttivo, sia dal lato creativo. Avremo stampanti sempre più performanti, materiali sempre più innovativi e costi sempre minori. La manifattura additiva ridurrà gli sprechi e ottimizzerà la resa di materiali che oggi utilizziamo in modo indiscriminato (penso a plastiche e derivati del petrolio in genere). La fabbricazione digitale sarà la norma, non più l’eccezione; e non interesserà solo le fabbriche o i settori produttivi, ma entrerà nelle nostre case diventando parte della nostra quotidianità.

 

 

 

Leave a reply