Prende il via oggi la terza edizione di DesignWinMake, il contest di product design promosso da MakeTank, e Arredativo.it dedicato, questa volta, alla progettazione di prodotti realizzati con la tecnica della stampa 3D.

Il contest si rivolge a progettisti, artisti e designer (singoli, in gruppi o associazioni senza fini di lucro), attivi in tutta Europa, che abbiano un'idea innovativa da realizzare e intendano  commercializzare il prodotto finito online. I progetti ammessi in concorso possono essere oggetti singoli (gioielli, accessori da indossare…) o una linea di complementi (di arredo o di uso quotidiano ecc...), non industrializzati o commercializzati in precedenza e pensati per l’e-commerce, quindi maneggevoli, poco ingombranti e semplici da spedire.

Tra i criteri di valutazione su cui si soffemerà la giuria - composta da Laura Calligari (architetto - Arredativo.it); Fabio Ciciani (co-fondatore di .exnovo); Laura De Benedetto (co-fondatrice di MakeTank); Antonino Marsala (ART – Authorized Rhinoceros Trainer ed esperto 3D); ed Eleonora Ricca (designer e imprenditrice - Vectorealism) - l'originalità e innovazione progettuale, la massima funzionalità e semplicità nella realizzazione, e l'attenzione alle economie di produzione.

Per partecipare al concorso basta compilare il form di iscrizione pubblicato sul sito www.designwinmake.it e inviare, secondo le procedure indicate nel bando, gli elaborati richiesti entro il 31 marzo 2014. La partecipazione al concorso è gratuita. Il prototipo del progetto primo classificato sarà realizzato, a spese di MakeTank, presso il partner Vectorealism, contraddistinto dal logo DesignWinMake.

La premiazione del progetto vincitore, che sarà proclamato entro il 10 aprile 2014, si terrà a Firenze in occasione della Florence Design Week (24-29 aprile 2014).

“Per la terza edizione di DesignWinMake – afferma Laura De Benedetto di MakeTank – abbiamo scelto la stampa 3D per continuare a puntare sull’innovazione e mostrare ai designer le opportunità che essa offre. La stampa 3D, infatti, grazie al costo sempre minore delle stampanti e alla possibilità di rivolgersi a service professionali è ormai alla portata di tutti e trova sbocco sicuro nella moda e nell’interior design autoprodotti. Inoltre - prosegue Laura -  sono soprattutto le industrie che stanno iniziando a usare questa tecnica per prototipare o produrre ricambi a costi contenuti. Mi piacerebbe poter premiare di nuovo un giovanissimo progettista e riuscire a metterlo in contatto, grazie al concorso, con aziende per cui iniziare a lavorare.”

Per la scelta del materiale e le specifiche tecniche del progetto si consiglia la lettura della scheda “Materiali per la stampa 3D”, a cura di Vectorealism.

 

Leave a reply