La Maker Faire Rome è iniziata oggi e con un annuncio di sostanza: dalla collaborazione tra Arduino e Intel è nata Galileo, una nuova board compatibile con le precedenti Arduino ma dotata di un processore Intel Quark. Dopo la presentazione ufficiale la board era in distribuzione per i Maker presenti, infatti siamo riusciti ad accaparrarcene alcuni dei primi esemplari.

La board Intel Galileo dà il via a quella che dovrebbe essere tutta una nuova linea di board Arduino Certified dotate di microprocessori Intel: è stata progettata pensando sia a chi approccia il mondo dell'open hardware, sia per chi ha già una sua esperienza nel campo e vuole farla crescere ulteriormente.

Makers in line for the Galileo!

Intel Galileo si basa sul processore (per essere più precisi un SoC, System-on-a-Chip) a 32 bit Intel Quark X1000, che viene definito come "di classe Pentium" in quanto a potenza elaborativa. Si tratta della prima board basata su architettura Intel a essere anche del tutto compatibile, dal punto di vista sia hardware che software, con gli shield Arduino progettati per la board Uno R3. I pin digitali da 0 a 13, i pin adiacenti AREF e GND, gli ingressi analogici da 0 a 5, gli header di alimentazione e ICSP, i pin UART 0 e 1 sono tutti fisicamente nelle stesse posizioni della Arduino Uno R3.

Galileo supporta gli shield che operano sia a 3,3V sia a 5V. L'alimentazione della board è a 3,3V, ma un jumper permette di passare a 5V per i pin di I/O. Ciò permette di usare gli shield Uno a 5V ed è la configurazione di default. Cambiando la posizione del jumper la conversione di voltaggio viene disabilitata e la tensione dei pin I/O resta a 3,3V.

Altre informazioni tecniche su Intel Galileo sono disponibili a questa pagina.

Dopo aver esaminato le caratteristiche tecniche fondamentali di Galileo, sono state essenzialmente tre le domande che si sono posti a caldo molti dei presenti alla Maker Faire. Quanto della nuova board è effettivamente open source, nella logica del modello Open Hardware? Dove verrà prodotta? Cosa dovrebbe spingere un appassionato ad "abbandonare" le board classicamente Arduino per salire sul treno di Intel? Domande importanti alle quali sarà possibile rispondere meglio solo dopo aver giocato almeno un po' con la Galileo.

La nuova board sarà in vendita dal prossimo 29 novembre, durante il prossimo anno e mezzo Intel ne donerà 50 mila esemplari a un migliaio di università in tutto il mondo.

 

 

Leave a reply